CONSUMARE PREFERIBILMENTE
IN BUONA COMPAGNIA

Per accedere devi essere maggiorenne.
Inserisci la tua data di nascita.

Edizione 2017

Premio Birra Moretti Grand Cru è la prima e più importante piattaforma di talent scouting in Italia che, promosso da Fondazione Birra Moretti in collaborazione con Identità Golose, invita le giovani promesse della cucina italiana a creare ricette utilizzando la birra come ingrediente e in abbinamento.
Per il primo classificato, un premio del valore di 10mila euro, finalizzato a sostenerne la crescita professionale. Un contributo concreto per aiutarlo a farsi strada nel mondo della ristorazione.

A vincere è stata Solaika Marrocco. È la prima donna, in sette edizioni, a vincere il Premio. Con il piatto Turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo, si aggiudica la settima edizione del concorso promosso da Fondazione Birra Moretti.

Il vincitore

Solaika Marrocco

Lo chef

Unica donna in finale e poco più che ventenne, Solaika Marrocco è 100% Puglia sia nella formazione professionale sia nella cucina che propone, recuperando con attenzione tradizioni gastronomiche e ingredienti del territorio. Dopo un anno da sous-chef del Primo Restaurant di Lecce, oggi Solaika è chef e firma i suoi piatti come quello presentato in occasione della settima edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru. Turcinieddhi glassati alla birra con marmellata di cipolla all’arancia, critmi in tempura e infuso di luppolo celebrano la sua terra e un ingrediente già noto in antichità quale l’agnello.

Motivazione della giuria

Vince il Premio Birra Moretti Grand Cru chi ha dimostrato conoscenza delle tradizioni, personalità e coraggio nella scelta degli ingredienti e della ricetta, coniugando con squisita semplicità i vari elementi, credendo nella sua idea. Come ha detto: “il palato parla”.

Le menzioni speciali

Premio del pubblico

Premio del pubblico_2017

di Andrea Congiusta

Premio del pubblico

Gli chef in gara

Andrea Congiusta

Francesco Giuliano

Simone Tascone

Torna alle edizioniTorna alle edizioni